La poesia della veterinaria raccontata nella sabbia